Digitalizzazione work-flow e comunicazioni


BCC Agrobresciano risparmia il 19% dei costi operativi per filiale

Le origini della Banca risalgono al febbraio 1897, quando ventidue pionieri della cooperazione fondarono la "Cassa Rurale di Depositi e Prestiti di Ghedi", dando vita ad un efficace strumento di sostegno delle famiglie e dell'economia locale ispirato ai principi della solidarietà cristiana, che consentisse l'accesso al credito a tassi contenuti e combattesse il fenomeno dell'usura. Durante gli anni sessanta, gli ottimi risultati di bilancio rispecchiano un panorama economico locale decisamente confortante, caratterizzato dallo sviluppo dell'industria e dell'artigianato. Nel 1964 l'Assemblea dei soci ratifica l'adesione all'Istituto di Credito delle Casse Rurali ed Artigiane (ICCREA). Nel 1972, la Cassa Rurale di Ghedi incorpora le consorelle di Calvisano e Fiesse. E' un primo passo per raggiungere una dimensione che consenta di dotarsi di una struttura più funzionale, più efficiente e migliorare i servizi erogati alla comunità locale. A breve distanza, nel 1974, segue la fusione con la consorella di Alfianello, la più giovane delle quattro componenti della nuova realtà bancaria. Durante gli anni ottanta, l'evoluzione che vive l'intero sistema bancario, spinge le Casse Rurali ad ampliare funzioni e servizi, sviluppando la gamma dei prodotti e dei servizi offerti alla propria clientela. A partire dal 1990, la Banca inizia una forte espansione territoriale, scandita dall'apertura, in rapida successione, di nuovi sportelli fino a formare una rete che conta, ad oggi, complessivamente 23 sportelli disposti strategicamente sul territorio locale. Nel 1995 la Cassa assume la denominazione di "Banca di Credito Cooperativo dell'Agrobresciano". La crescita della banca è stata accompagnata da un incremento nel tempo della compagine sociale; particolare attenzione è stata dedicata all'inserimento dei giovani, delle donne e degli imprenditori locali.

Problema

La BCC Agrobresciano necessitava di:

  • Velocizzare e semplificare la gestione delle comunicazioni fax e dei flussi di lavoro
  • Ridurre l’utilizzo di carta
  • Ottimizzare i risultati
Soluzione

La BCC Agro Bresciano avvia nel 2004 un importante progetto di digitalizzazione dei documenti e dei flussi di lavoro con questi obiettivi:

  • Digitalizzare gli archivi documentali storici (fidi, specimen di firma)
  • Gestire digitalmente le comunicazioni fax
  • Digitalizzare i documenti trattati dalle filiali nelle operations e i relativi flussi interni con le unità di back office
  • Digitalizzare i documenti in uso in alcuni processi direzionali e di supporto (es. ciclo passivo, pratiche legali)

Snellimento e velocità operativa ottenuti grazie a:

  • Tecnologia GDD
  • Centraline Open Channel e Maxfile
  • Alcune personalizzazioni realizzate “ad hoc”

La banca integra inoltre le funzionalità GDD nella propria intranet aziendale, che già fornisce altre applicazioni interne, obiettivo: creare un unico portale applicativo e semplificare quindi l’operatività utente.

Vantaggi

Dai dati di bilancio;
Risultato orario di gestione:

  • nel 2004: 46€
  • nel 2007: 67€
  • variazione: + 47%

Margine di interesse + commissioni netto/dipendente:

  • nel 2004: 167.174€
  • nel 2007: 205.792€
  • variazione: + 18%

Cost income ratio:

  • nel 2004: 62.5%
  • nel 2007: 46.8%
  • variazione: - 24%

Costi operativi / filiale:

  • nel 2004: 936.305€
  • nel 2007: 759.386€
  • variazione: - 19%

Oltre 6.000.000 di pagine dell’archivio fidi digitalizzate, con:

  • smantellamento e rivendita dagli archivi rotanti
  • riconversione dei relativi spazi liberati

  • Circa 20 FTE di tempo operativo recuperato, considerando i risultati paragonabili ottenuti da Banca d’Alba e rilevati puntualmente
  • 86% di carta risparmiata nei processi delle operations
  • Circa 23.000 euro (redditività media a bilancio per ogni addetto moltiplicato 4 addetti per 10 giorni) di risparmio per non aver sofferto il fermo operativo di una filiale dopo il tentativo di furto ad un ATM con il gas
Oggi con GDD la tecnologia segue automaticamente l’utente ovunque si trovi

Arturo Marpicati / Responsabile IT, BCC Agrobresciano
Aprile 2006

Nel momento in cui siamo andati a fare conti concreti su quanto stavamo ottenendo, ci siamo resi conto che valeva sicuramente la pena iniziare questo percorso

Alberto Loda / Responsabile Area Organizzazione, BCC Agrobresciano
Marzo 2009