Questo sito utilizza cookie di Google per generare rapporti sulla visualizzazione delle pagine del sito web.
Per saperne di più sull'utilizzo dei cookie fare clic qui.
Facendo clic su "Acconsento", scorrendo la pagina o facendo clic su qualsiasi suo elemento, viene autorizzato l'uso dei cookie.
Acconsento
INFORMATIVA ESTESA SUI COOKIE (3 giugno 2015)

Premessa: che cosa sono i cookie e a che cosa servono
Un "cookie" è un file di testo che il sito web visitato invia al dispositivo dell'utente (computer, smartphone o tablet).
Ha lo scopo di riconoscere il dispositivo visitante fornendo all'utente vari servizi (ad esempio le preferenze di navigazione o l'accesso ad aree riservate) o di fornirgli informazioni personalizzate in funzione delle pagine visitate.

Tramite il sito PRB viene installato il normale cookie di Google Inc. per la misurazione delle visite e la generazione dei report (Google Analytics).

I cookie possono essere eliminati dal dispositivo seguendo le funzioni standard del browser in uso.


Leggi l'informativa sulla privacy di Google Analytics

PROGRESSIVE REDESIGN BENEFIT



BCC di Castenaso

2004


L’atto costitutivo della Banca inizia così:

"Regnando Sua Maestà Vittorio Emanuele III per grazia di Dio e per volontà della nazione Re d’Italia. L’anno 1902 questo giorno di domenica 16 Febbraio. In Castenaso nella canonica della Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista avanti di me Dott. Alessandro Zuccheri notaio, si sono costituiti: l’ Arciprete di Castenaso, due sacerdoti, un orologiaio, un agente, un bottegaio, un affittuario, un birocciaio, un cordaio ed un sarto, tutti residenti a Castenaso con l’intento di "costituire fra di loro una Società cooperativa in nome collettivo sotto la denominazione di Cassa Rurale di Depositi e Prestiti di Castenaso, avente per oggetto il miglioramento religioso, morale ed economico dei suoi Soci mediante operazioni di credito ed atti commerciali……".
In ordine di tempo, fu la ventiseiesima Cassa Rurale della provincia e della diocesi di Bologna e seppur di dimensioni modeste, ma di intuito grande, fu una delle prime banche italiane a comprendere l’importanza delle tecnologie digitali come motore di innovazione e miglioramento.

PROBLEMA


La BCC di Castenaso necessitava di:

  • Velocizzare e semplificare la gestione delle comunicazioni fax ampliando e automatizzando i flussi in entrata, delle informazioni e dei documenti.
  • Ridurre l’utilizzo di carta calcolata in 1.500.000 fogli anno.
  • Organizzare i flussi di lavoro specialmente quelli relativi alle pratiche di credito.
  • Attuare un sistema più efficiente e più coinvolgente nell’analisi e la delibera delle pratiche.
  • Ottimizzare i risultati diminuendo i costi di struttura.


SOLUZIONE


La BCC di Castenaso avvia nel 2004 un importante progetto di digitalizzazione dei flussi di lavoro e della gestione della pratiche di credito con questi obiettivi:

  • Digitalizzare gli obsoleti e costosi archivi documentali cartacei (fidi, ciclo passivo, stampe periodiche…).
  • Gestire digitalmente ed automatizzare le comunicazioni fax ed e-mail ampliate poi a SMS e PEC.
  • Gestire digitalmente gli ordini telefonici come qualsiasi altro documento digitale.
  • Gestire digitalmente le anticipazioni su presentazione fattura con gestione automatica delle distinte.
  • Digitalizzare i documenti trattati dalle filiali nelle operations e i relativi flussi di back office.
  • Digitalizzare il flusso delle pratiche e non semplicemente il flusso dei documenti.


Snellimento e velocità operativa ottenuti grazie a:

  • Tecnologie GDD, GDP e GDTel.
  • Centraline Open Channel e Maxfile poi divenute virtuali e posizionate presso l’outsourcer Phoenix.
  • Gestione Digitale delle Pratiche GDP.
  • Gestione Digitale ordini e delle comunicazioni Telefoniche GDTel.


VANTAGGI


  • Creazione della "pratica digitale affidamenti" e consiglio digitale di valutazione.
  • Oltre 15.000.000 di pagine del'archivio fidi digitalizzate.
  • Smantellamento dagli archivi rotanti.
  • Riduzione degli spazi di filiale.
  • Riconversione dei relativi spazi liberati in sede
  • Circa 9 FTE di tempo operativo recuperato.
  • 80% di carta risparmiata nei processi delle operations.
  • Immediato e anticipato adeguamento alle normative relative al tracciamento (263 B.I)
  • Snellimento nella esecuzione delle attività degli ispettori di Banca d’Italia con conseguente risparmio di tempo pari al 50%.
  • Notevole velocizzazione dei servizi alla clientela.
  • Notevole miglioramento dell'analisi delle pratiche di affidamento.
  • Precisa tracciatura e registrazione degli ordini telefonici per titoli, bonifici ed altri servizi.